Landing Page e Google Analytics: come aumentare la conversione delle tue campagne web

Cos’è e come si utilizza una Landing Page?

Una comunicazione digitale finalizzata a trasformare i visitatori in lead, ovvero in potenziali clienti, deve includere le landing page nella propria strategia.

In una campagna pubblicitaria, che si tratti di email marketing o pay per click, il richiamo all’azione (call-to-action) deve portare l’utente su una pagina di destinazione (landing page). Si tratta di una pagina web costruita in modo tale da permettere una navigazione senza distrazioni ed i cui contenuti sono sviluppati in verticale. In questa pagina vengono mostrate solo le informazioni necessarie a far compiere una determinata azione all’utente: compilare un form o concludere un acquisto.

Una navigazione senza distrazioni significa che normalmente la pagina è composta da un mix bilanciato di testi, immagini e/o video se presenti, in modo tale da forzare gli utenti a concentrarsi solo sul messaggio sponsorizzato; è buona prassi non inserire nemmeno un menù, quindi evitare pagine multiple.

Come le email, anche le landing page dovranno essere responsive, in modo da adattare la lettura a tutti i dispositivi (desktop, tablet e smartphone) e non perdere l’attenzione degli utenti interessati.

Come può aiutare Google Analytics?

Per essere in grado di quantificare il successo della Landing Page bisogna impostare le conversioni che ci aiutano a misurare l’efficacia della campagna pubblicitaria in base all’obiettivo che è stato preimpostato: tipicamente quando un utente compila il form, o nel caso di un ecommerce quando conclude un acquisto, si registra una conversione.

Quando una di queste azioni viene compiuta l’utente deve essere reindirizzato ad una pagina di ringraziamento (thank-you-page), che sarà impostata come Obiettivo in Google Analytics (quest’ultimo calcolerà la percentuale dei visitatori che hanno raggiunto quella pagina di conferma). Il numero di persone che ha visitato la pagina di ringraziamento diviso il numero di persone atterrato sulla landing page è il nostro tasso di conversione, e di conseguenza, 1 – tasso di conversione sarà il nostro tasso di abbandono.

Indirizzare alle landing gli utenti delle campagne significa iniziare a conoscere il proprio pubblico

  1. Dati demografici
    Funzione che permette di conoscere l’età ed il sesso dei vostri utenti
  2. Segmenti di affinità e Interessi
    I segmenti di pubblico di affinità e gli interessi mostrano i comportamenti di navigazione del pubblico che è passato dalla landing page, e ci permettono di identificare la tipologia di utente più affine al nostro brand. Ad esempio, invece di raggiungere la categoria degli appassionati di sport, un’azienda produttrice di scarpe da corsa potrebbe scegliere di raggiungere la categoria degli appassionati di maratona.
  3. Dati geografici
    Scopri il tuo pubblico per zone geografiche
  4. Comportamento
    Il comportamento mostra quanto la landing page sta interessando gli utenti: il tempo trascorso sulla pagina, la frequenza di rimbalzo, i nuovi visitatori rispetto a quelli di ritorno.
  5. Dispositivo mobile
    Questa funzione è fondamentale per capire quale dispositivo stanno utilizzando i tuoi utenti per navigare il sito e/o la tua landing page, in questo modo potrai monitorare se le conversioni avvengono da desktop o da mobile.

Analisi Avanzate

Traffico di acquisizione

Se la landing page viene attivata da più attività di marketing (Google Adwords, Facebook Ads, Email, etc), controllando le sorgenti di traffico sarà possibile capire da dove arrivano più utenti e soprattutto che canale utilizzano quelli che hanno un tasso di conversione più alto. Le sorgenti di traffico ti possono mostrare anche la quantità di traffico diretto, il traffico proveniente dai referral o il traffico organico che proviene dalla ricerca Google.

Segmentazione ed esperimenti

Il traffico che passa dalla landing page e non ha effettuato una conversione è comunque utilizzabile: segmentandolo correttamente sarà possibile utilizzarlo per campagne mirate di remarketing per recuperare chi non si è lasciato convincere la prima volta. Il modo migliore per attirare nuovamente la sua attenzione sarà utilizzare delle varianti di landing page, degli A/B test per individuare, tramite esperimenti, le landing che mettono meglio in evidenza il vostro messaggio ed hanno una migliore conversione.

Vuoi aggiungere landing page alle tue campagne o crearne delle nuove? Qualunque sia il tuo prodotto / servizio, noi siamo gli esperti che creano le landing page più efficaci ed efficienticontattaci per scoprire quale sarà la strategia adatta a te.